“IL RAPIMENTO DEL PRINCIPE CARLO” DEL TEATRO DEL DRAGO

“IL RAPIMENTO DEL PRINCIPE CARLO” DEL TEATRO DEL DRAGO

Lo spettacolo di burattini tradizionali emiliano-romagnoli “Il rapimento del Principe Carlo” è rappresentato dai burattinai Mauro Monticelli e Andrea Monticelli, della Compagnia Teatro del Drago di Ravenna.

  • Tecnica: burattini tradizionali
  • Età: a partire dai 3 anni

Clicca qui per info e dettagli sullo spettacolo 

IL RAPIMENTO DEL PRINCIPE CARLO: DETTAGLI

Si tratta di una produzione del 1983 che ha riscosso un importante successo in Italia e all’estero, tanto che “Il Rapimento del Principe Carlo” è stato segnalato in alcuni dei più importanti festival nazionali ed internazionali. 

Questo spettacolo, dalla trama molto semplice, proviene da un vecchio canovaccio della metà dell’800. La storia inizia nella reggia di un vecchio re a cui è stato rapito il figlio. Servi e soldati partono per andare a cercare il Principe Carlo in tutte le terre del regno; alla ricerca parte anche Fagiolino, aiutato dai consigli della vecchia Fata Circe. Presto lo trova nel bosco, nelle mani del terribile e potente brigante Spaccateste. Fagiolino, dopo un lungo duello, bastona senza pietà i cattivi, riportando sano e salvo il Principe Carlo al re. In onore di Fagiolino il re decide di organizzare una grande festa.

IL RAPIMENTO DEL PRINCIPE CARLO: TEATRO DEL DRAGO

Il Teatro del Drago è la compagnia di una delle più antiche Famiglie d’Arte di spettacolo, attiva nel settore dei burattini e delle marionette dalla prima metà del XIX secolo: la Famiglia Monticelli.  I fratelli Mauro e Andrea, gli attuali Direttori Artistici, rappresentano la quinta generazione di questa ininterrotta tradizione. L’attività si svolge su due versanti: quello della tradizione, con gli spettacoli di burattini tradizionali e la conservazione dei materiali della Collezione Monticelli; e quello della ricerca, attraverso gli spettacoli di teatro di figura contemporaneo in cui si concretizza una personale linea artistica.

Scopri di più sulla Famiglia Monticelli 

Lascia un commento